I truffatori Bitcoin passano da Elon Musk, si spacciano per Joe Rogan

La truffa, che utilizza la somiglianza dell’host del podcast per incoraggiare le persone a inviare Bitcoin, ha fruttato finora 30.944 dollari.

In breve

  • Una falsa truffa criptica di Joe Rogan offre di regalare gratuitamente Bitcoin.
  • La truffa ha fruttato finora 30.944 dollari, usando Rogan e Ben Shapiro come esca.
  • A giugno, i truffatori hanno usato il nome di Elon Musk per portare in giro 2 milioni di dollari di Bitcoin.

Il falso Joe Rogan ha appena abboccato un Bitcoin

Secondo Whale Alert, un bot di Twitter che pubblica transazioni crittografiche insolite (e tipicamente molto grandi), una „falsa truffa a sorpresa“ oggi ha guadagnato Bitcoin Evolution, ovvero circa 9.300 dollari.

Come esca, i truffatori hanno usato Joe Rogan, l’host di podcast libertario amante della DMT e fumatore d’erba e comico con 8,9 milioni di abbonati su YouTube, insieme al commentatore di destra Ben Shapiro.

Secondo il nuovo servizio di Whale Alert, Scam Alert, i truffatori avevano creato un sito web che offriva la possibilità di regalare gratuitamente Bitcoin. Rogan e Shapiro sono stati usati per attirarli.

„Joe Rogan e Ben Shapiro credono che i blockchain e i bitcoin renderanno il mondo più giusto. Per accelerare il processo di adozione di massa della crittovaluta, abbiamo deciso di eseguire 5.000 BTC giveaway“.

Per avere diritto al „giveaway“, tutto quello che si deve fare è „inviare da 0,1 BTC a 10 BTC all’indirizzo di contribuzione“ e „vi rispediremo immediatamente 0,2 BTC a 20 BTC (x2 indietro) all’indirizzo da cui l’avete inviato“.

Naturalmente, i fondi non arriveranno mai.

La truffa ha fruttato finora 30.944 dollari

Secondo Scam Alert, la truffa, poco più di un sito web e un indirizzo del portafoglio, ha fruttato 30.944 dollari, con un pagamento medio di 6.188 dollari, da quando è stata lanciata questo mese.

Di Elon Musk per portare in giro 2 milioni di dollari di Bitcoin

Rogan e Shapiro non sono le uniche somiglianze usate per truffare la gente. Elon Musk, naturalmente, è stata una scelta popolare tra i truffatori Bitcoin. L’ultimo schema per prendere in prestito il nome di Musk e ingannare gli utenti di crypto a dare via le loro monete racimolate in 2 milioni di dollari per i truffatori a partire da metà giugno.

Altri truffatori che impersonavano l’Organizzazione Mondiale della Sanità a marzo hanno gestito un „COVID-19 Solidarity Response Fund“, una versione truffaldina del vero fondo dell’OMS.

I truffatori hanno incoraggiato la gente a inviare denaro per aiutare l’OMS ad affrontare la pandemia del coronavirus. (Il fondo reale è stato sostenuto da aziende come Google e Facebook).

Il fondo (falso) ha detto che avrebbe „permesso a tutti i paesi di tracciare e rilevare la malattia [e] inviare dispositivi di protezione personale agli operatori sanitari in prima linea“, in cambio della Bitcoin. Non è stato così.